Vecchio Amaro del Capo

Amaro del capo

In provincia di Vibo Valentia, precisamente a Limbadi, si trova la Distilleria Caffo, famosa azienda produttrice dell’ Amaro del Capo.

L’ Amaro del Capo è un liquore calabrese , esportato in tutto il mondo e riconosciuto come prodotto e simbolo locale.

La produzione avviene vicino a Capo Vaticano, località da cui il liquore prende il nome e che è raffigurata nell’etichetta.

La ricetta dell’ Amaro del Capo è antica e segreta, tramandata dalla famiglia calabrese per quattro generazioni. È composto da acqua, alcool puro, zucchero, infusi di erbe ed aromi naturali.

Le erbe, che sono circa una trentina di varietà tra le quali la liquirizia, la menta, l’anice, la camomilla, il ginepro, l’issopo e vari agrumi, vengono messe a macerare per qualche giorno in vasi di vetro insieme all’alcol purissimo.

Nel frattempo si scioglie lo zucchero in acqua bollente e, appena raffreddata, si aggiunge alle erbe mescolando bene e lasciando a riposo per un’altra settimana, prima di filtrare il liquore con una garza ed imbottigliarlo chiudendo ermeticamente le bottiglie, che restano a riposo per quattro mesi prima del consumo.
Il liquore assume un colore particolarmente scuro, e si caratterizza per il suo gusto dolce e dal retrogusto fortemente aromatico. Ha una gradazione alcolica del 35%.

Le erbe utilizzate sono la parte più importante dell’ Amaro del Capo: essenze e piante che crescono abbondanti sul Monte Poro e nella zona di Capo Vaticano, dove beneficiano di un clima marino e di una temperatura ideale che favorisce nella pianta lo sviluppo di quegli aromi e virtù salutari che contribuiscono al successo di questo amaro tipicamente calabrese.

Il Vecchio Amaro del Capo ha un gusto gentile ed aromatico, che ben si adatta anche ai palati più delicati, non abituati agli “Amarissimi”.

È consigliato consumarlo ghiacciato (-20 °C), in bicchieri anch’essi ghiacciati.

L’ Amaro del Capo, oggi è tra gli amari più diffusi e venduti in Italia e vanta il primato di essere stato il primo amaro ad essere stato proposto ghiacciato dagli slogan lanciati dall’azienda già a partire dagli anni ’70, quando il consumo era principalmente estivo e veniva distribuito solo in Calabria.

Nel 2010 il Vecchio Amaro del Capo è stato l’unico amaro italiano premiato con la medaglia d’oro al concorso mondiale di Bruxelles. Vincitore anche della medaglia d’oro di recente al concorso Sélections Mondiales Des Spiritueux in Canada.

Per info:
Distilleria F.lli Caffo S.r.l.
http://www.caffo.com
Tel. 0963 85025